QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Far tornare in vita l'uomo di Neanderthal nel 2013. E' l'ambizioso progetto del genetista George Church, dell'Harvard Medical School, che sta cercando una mamma surrogata, disposta a portare in grembo il clone del nostro 'antenato'.

Lo scienziato, che ha illustrato i suoi piani in un'intervista al settimanale tedesco 'The Spiegel', e' convinto di poter ricostruire, partendo da frammenti conservati, il Dna dei Neanderthal e riportare in vita la specie che si e' estinta ben 33 mila anni fa.
L'idea ricorda Jurassik Park, il famoso film di Steven Spielberg, in cui per far resuscitare i dinosauri viene utilizzata una tecnica simile. In quel caso le creature preistoriche erano ricreate in laboratorio e si trattava di fantascienza, il progetto di Church e' realta' e ha bisogno di un volontario in carne e ossa, la 'mamma' del Neanderthal del XXI secolo.
Secondo il genetista, l'analisi del codice genetico del Neanderthal a partire da campioni delle ossa, e' completa abbastanza da poterne ricostruire il Dna. "Dipende da numerosi fattori, ma penso che si possa fare. Ora c'e' bisogno di una donna 'audace'", disposta a partecipare al progetto, ha affermato lo stesso Church, come si legge sul britannico 'Daily Mail'. Una volta ricostruito, il Dna andrebbe inserito nelle staminali: il primo passo sarebbe poi quello di iniettarlo nelle cellule di un embrione umano nelle primissime fasi di vita. Si svilupperebbe cosi' un embrione ibrido che dovrebbe crescere in laboratorio per un paio di giorni e poi essere impiantato nell'utero della mamma surrogata.



ADUC



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: netzappingsrl@pec.it