QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

Una settimana dopo aver ceduto la sua rete deficitaria di stazioni di benzina in Turchia, il colosso petrolifero austriaco OMV ha concluso un accordo con l’azienda tedesca Uniper per lo sfruttamento del 25 pc di un giacimento di gas in Siberia, scrive Der Standard, riportato da ICE.

Il prezzo d’acquisto sarà di 1,85 miliardi di euro. Le autorità russe e gli altri soci devono ancora dare il loro consenso. Il tutto dovrebbe concludersi entro la fine di quest’anno. L’accordo potrebbe essere retroattivamente effettivo a partire da gennaio 2017.

Si tratta di uno dei più grandi giacimenti russi. Attualmente l’estrazione si aggira attorno ai 25 miliardi di metri cubi all’anno. La licenza sarà concessa fino al 2043. Il gas estratto da questa zona sarà essenziale per la North Stream Pipeline che trasporterà gas russo attraverso il Mar Baltico nella Germania del Nord.



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: netzappingsrl@pec.it