QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

L’Inpdap, Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell’Amministrazione Pubblica, confluito nell’Inps, Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale, propone prodotti di accesso al credito per i lavoratori iscritti, per i pensionati e per i loro familiari. Uno dei prodotti più gettonati è il piccolo prestito che può avere una durata da 1 a 4 anni, e che può essere rinnovato in concomitanza con il pagamento di un numero prefissato di rate.

I piccoli prestiti Inpdap sono attualmente ottenibili alle seguenti condizioni: un tasso di interesse applicato fisso nominale al 4,25% a fronte di uno 0,50% quali spese di amministrazione, ed una quota di spese quale premio fondo rischi. I piccoli prestiti Inpdap si possono rinnovare trascorsi i primi sei mesi con le rate pagate puntualmente se il piano di ammortamento è a dodici mesi.

Effettuare il calcolo per un prestito Inpdap è molto semplice: potrete visualizzare i prodotti di prestito agevolato Inpdap e scaricare tutta la modulistica necessaria per la richiesta.

Se sei invece alla ricerca di informazioni più generali sui prestiti, puoi consultare il sito prestiti.com, il portale dedicato al mondo dei prestiti e dei finanziamenti, dove potrai scoprire tutte le guide e i comodi strumenti per il calcolo del prestito online.

La soglia di rinnovo sale a dodici mesi per i piccoli prestiti a 24 mesi, 18 mesi per l’eventuale rinnovo di un piccolo prestito triennale, e due anni per il rinnovo di piccoli prestiti Inpdap con piano di ammortamento in 48 rate, ovverosia in quattro anni.

L’Inpdap annualmente fissa un plafond massimo di prestiti concedibili, il che significa che in caso di eccedenza di richiesta la concessione del credito è subordinata alla pubblicazione di una graduatoria. Il debito residuo legato al piano di ammortamento non è dovuto nel caso in cui per il contraente il piccolo prestito dovesse esserci premorienza o l’insorgere in servizio, o per cause di servizio, di condizioni di invalidità permanente o assoluta.

I piccoli prestiti Inpdap sono concedibili ai pensionati, ai lavoratori pubblici ed ai loro familiari senza giustificativo di spesa per il credito da erogare, senza alcuna presentazione di motivazioni ed anche senza l’esibizione di alcun certificato medico. Il piano di ammortamento legato ad un piccolo prestito Inpdap parte dal secondo mese successivo rispetto alla data di erogazione del credito al pensionato, al dipendente pubblico o al familiare.

 

 

 

 

Per questa ragione si è in cerca di un'assicurazione auto che risponda alle proprie possibilità economiche: vari preventivi di assicurazioni economiche si possono effettuare in questa sezione del sito preventiviassicurazioni.it.

Un cambio, questo, che è stato posto in essere delle agenzie online che operano sul mercato senza i costi di una struttura fisica ma con una potenziale clientela nazionale: un classico caso della concorrenza che fa bene al mercato.

E' quindi possibile gestire il rinnovo e le pratiche assicurative da casa grazie ai nuovi pacchetti assicurativi gestibili comodamente online, alla portata di tutti e per tutte le esigenze: tra questi, uno dei contratti più vantaggiosi è sicuramente l’assicurazione temporanea.

Si tratta di un’assicurazione limitata nel tempo che va incontro alle esigenze, ad esempio, di chi ha un mezzo o un veicolo che fa funzionare solo per determinati mesi all’anno. L’assicurazione temporanea copre per determinati periodi esattamente come una Rc auto. Al suo termine, l’assicurato può scegliere un altro periodo da assicurare o passare a un’assicurazione classica. La flessibilità delle assicurazioni temporanee è tale che si possono scegliere anche polizze della durata di una settimana o di un giorno.

Tuttavia, c’è anche il rovescio della medaglia. La temporaneità si paga: si è calcolato il periodo su una polizza di un’assicurazione ‘normale’. Si paga almeno il 30% in più, in cambio di un servizio di questo genere. Solo negli ultimi mesi, le agenzie stanno praticando dei prezzi più convenienti. Perciò, anche per questa tipologia assicurativa, conviene fare un confronto tra polizze.

Non solo: le assicurazioni temporanee non fanno cumulo nelle classi di merito, non ne partecipano. Per cui, anche 4 mesi di assicurazione temporanea non valgono come tempo per la classe. Ecco perché, a parere di molti, sarebbe conveniente, più che optare per questa tipologia assicurativa, provare con le assicurazioni sospendibili che partecipano delle classi di merito e possono essere sospese anche per medio-lunghi periodi a seconda dell’accordo che si prende con l’agenzia.

 

L'Isvap ha multato 6 compagnie (Quixa, Direct Line, Dialogo, Assimoco, Casse Raiffeisen Bolzano con R+V Versicherung e National Suisse) per elusione dell'obbligo a contrarre soprattutto nel Sud Italia, con l'applicazione di tariffe altissime. 

 

Quando si decide di cambiare banca il primo punto di cui preoccuparsi non dovrebbe essere quello di capire come estinguere il conto di provenienza il più presto possibile, ma valutare se può avere senso mantenere alcuni servizi attivi presso il vecchio conto corrente e attivarne altri presso il nuovo, oppure chiudere definitivamente con la vecchia banca ed iniziare un rapporto esclusivo con il nuovo istituto di credito.

Una volta chiarito questo punto, se si è dell’idea di voler comunque chiudere il conto corrente di provenienza, è necessario inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno presso la filiale della banca presso cui è registrato il vecchio conto, dichiarando nella missiva la propria intenzione di sciogliere il contratto in essere.

La chiusura del vecchio conto non coinciderà ovviamente con la ricezione della raccomandata visto che la banca ha il diritto di effettuare i propri controlli prima di procedere all’estinzione del conto. Controlli che in realtà dovrebbero riguardare anche l’ex correntista, che ad esempio, in prima persona deve verificare se esistono assegni o pagamenti in genere emessi ma non ancora addebitati sul proprio conto, e comunicarlo prontamente alla banca presso cui si intende chiudere il conto .

Contestualmente alla chiusura inoltre, il cliente dovrà riconsegnare il blocchetto degli assegni e le eventuali carte di credito collegate al conto. Se si tratta di un conto corrente cointestato, entrambi i titolari devono firmare per la richiesta di chiusura.

Se collegato al conto corrente c’è un deposito titoli, anche questo verrà chiuso con l’estinzione del contratto. Per quanto riguarda mutui o cifre giacenti, questi possono essere trasferiti alla nuova banca. In teoria il passaggio dovrebbe essere del tutto gestito dagli istituti ma quello che accede invece è che spesso il cliente deve farsi carico di produrre ulteriori certificazioni per rendere la procedura più snella.

Per quanto riguarda infine eventuali servizi di addebito automatico (ad esempio le bollette), il cliente è tenuto a comunicare ai propri fornitori i nuovi dati RID. Similare la procedura per l’addebito dello stipendio: basterà comunicare al datore di lavoro il nuovo IBAN.





Una "tendenza al rialzo continuo" che nel biennio 2009-2010 ha fatto registrare aumenti fino al 25 per cento per un individuo che assicura un'autovettura e di oltre il 35 per cento nel caso di un motociclo.

 

Le polizze vita sono dei contratti stipulati tra privati e compagnie assicurative volte ad assolvere finalità di risparmio e di tutela economica dei propri cari. Queste esigenze, infatti, sono sempre più avvertite dalla popolazione italiana e trovano una loro adeguata risposta in due diverse tipologie di assicurazione per la vita: come le polizze miste, le polizze "caso morte" e le polizze "caso vita".

'E' stata segnalata la commercializzazione di polizze R.c. Auto false intestate alla compagnia: 'Generhel S.p.A.', societa' che non rientra tra le compagnie autorizzate o, comunque, abilitate all'esercizio dell'attivita' assicurativa sul territorio della Repubblica italiana'. A precisarlo in una nota e' l'Isvap precisando che 'la suddetta denominazione sociale e' del tutto simile a quella della societa' italiana Genertel S.p.A., con sede legale in Via Machiavelli, 4 - 34132 Trieste, autorizzata ad operare in Italia nel ramo r.c. auto'.


Secondo i dati pubblicati dall’Ufficio Croato per le Assicurazioni (HUO) alla fine del mese di gennaio dell’anno in corso, i premi lordi delle societa’ assicurative locali sono stati pari a 871,22 milioni di kune (circa 116,16 milioni di euro), ossia l’1,6 % in piu’ rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

I rappresentanti di Generali Grup hanno presentato ufficialmente nei giorni scorsi la nuova compagnia Generali Romania, nata dalla fusione di Generali Assicurazioni e Ardaf. In seguito a questa fusione, Generali Romania occupa il settimo posto sul mercato romeno delle assicurazioni, con una quota di mercato del 6,7% (secondo i dati CSA per il primo semestre 2011), informa l´ICE.



Secondo i dati pubblicati dall’Ufficio Croato per le Assicurazioni (HUO) alla fine dei primi undici mesi dell’anno in corso, i premi lordi delle societa’ assicurative locali sono stati pari a 8, 3 miliardi di kune ( circa 1,11 miliardi di euro), ossia l’1,1 % in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.


Adriatic Slovenica, il terzo assicuratore più importante della Slovenia, ha da poco pubblicato i propri risultati economico finanziari per il primo semestre dell'anno.




Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it