QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

La Slovacchia non è ancora pronta ad aumentare il salario minimo a 496 euro quest’anno, ha detto domenica il Ministro del Lavoro, Affari Sociali e Famiglia Jan Richter in un programma televisivo dell’emittente pubblica RTVS. Il ministro ha escluso in questo modo la possibilità di ascoltare le richieste della Confederazione dei sindacati (KOZ), che vorrebbe invece l’aumento a tale cifra, una somma pari al 60% del salario medio nazionale. Anche ammettendo che l’economia dia segni positivi, aumenteremo anche quest’anno il salario minimo, ma non certo a quei livelli, ha detto il ministro socialdemocratico (Smer-SD). Dal 1° gennaio 2014 il salario minimo in Slovacchia è stato alzato per legge a 352 euro lordi, il 4,2% in più dell’anno precedente (era a 337,7 euro nel 2013, e a 327,2 euro nel 2012). La paga oraria a salario minimo è così passata quest’anno a 2,023 euro lordi all’ora.

Sono stati diffusi nei giorni scorsi i risultati dell´Indice della Libertà Economica per l´anno 2014, elaborato da Heritage Foundation e Wall Street Journal, in collaborazione con un network di think tank europei, informa l´ICE.

L'Ufficio di statistica europeo, Eurostat, ha rilevato che nel terzo trimestre 2013 il debito pubblico austriaco è passato dal 75,2% dei tre mesi precedenti al 77,1% del PIL.

L'Istituto Nazionale di Statistica della Slovenia rivela come nel corso del mese di novembre 2013 il numero dei disoccupati nel Paese sia rimasto sostanzialmente stabile, pari al 13%.

Secondo quanto affermano alcune indagini preliminari da parte dell'Istituto locale di Statistica, nel periodo gennaio - novembre 2013 gli investimenti diretti esteri in Bulgaria sarebbero cresciuti di 1.226,4 milioni di euro, pari al 3 per cento del Pil.

L'Istituto Nazionale di Statistica della Slovenia evidenzia che nel corso del mese di novembre il tasso di disoccupazione del Paese è rimasto sostanzialmente stabile.

Il premier Dmitrij Medvedev nel suo intervento al “Forum economico internazionale Gajdar” ha evidenziato che la Russia, come tutti gli altri Paesi del mondo, punta alla stabilita’ economica. Ha dichiarato che “il rallentamento dei tassi di crescita dell’economia nazionale e` stato causato sostanzialmente da problemi di natura interna”.

Pur essendo scelte ogni anno da molti studenti stranieri, le università russe non occupano posizioni di rilievo nelle classifiche internazionali. Per questo motivo il governo ha deciso di contribuire a innalzarne il prestigio, destinando oltre un miliardo di dollari all’iniziativa. Il numero di studenti stranieri iscritti alle università russe, che sino a un paio di anni fa si aggirava attorno ai 145.900, è in continuo aumento. Le ragioni che spingono gli stranieri a studiare in Russia sono molteplici, e comprendono la possibilità di ricevere un’istruzione di qualità a prezzi convenienti.

Il Governo albanese e la Banca Mondiale hanno firmato un accordo di prestito da 85,3 milioni di dollari per un inveseimento nel settore idrico: le risorse erogate serviranno in particolare a migliorare la qualità dell´acqua e del sistema di smaltimento nella zona di Durazzo, dove è avvenuta la firma ufficiale dell´accordo.

L’Amministratore Delegato, Laszlo Wolf, e il Presidente della banca ungherese OTP, Balazs Bekeffy, hanno annunciato che OTP rileverà il Banco Popolare Croatia, filiale croata del Banco Popolare Italiano. Con questa acquisizione OTP otterra' una rete di filliali a Zagabria e nei suoi dintorni, nella regione nord ovest della Croazia e nella Slavonia.

La Slovenia potrebbe essere pronta all'emissione sul mercato di un nuovo pacchetto di obbligazioni statali (bond): il momento infatti potrebbe essere buono, anche grazie all'abbassamento dello spread sui titoli decennali sloveni (a metà gennaio lo spread era pari al 4,61%).




Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it