QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

La Banca Centrale Europea ha abbassato di 1,2 miliardi di euro il limite della liquidità di emergenza a disposizione delle banche elleniche, portandolo a 45,3 milioni di euro, informa Ekathimerini.

Il provvedimento riflette le condizioni di liquidità del mercato greco, tenendo conto dell´andamento dei flussi dei depositi privati; il nuovo limite è valido fino al prossimo 8 giugno. Le banche greche hanno dovuto fare affidamento ai fondi di emergenza a partire dal febbraio 2015, dopo essere state tagliate fuori dai normali circuiti di finanziamento della BCE; i fondi emergenza hanno un costo più alto rispetto al finanziamento diretto della Banca Centrale Europea.

A partire dal giugno dello scorso anno, le banche greche sono state riammesse dalla BCE alle operazioni finanziamento a basso costo, potendo così ridurre la propria dipendenza dalla liquidità di emergenza. Il ricorso delle banche elleniche ai fondi emergenziali è diminuito in aprile di 300 milioni di euro, pari allo 0,7 per cento, rispetto al mese precedente.



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: netzappingsrl@pec.it