QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

La maggior parte degli analisti economici ritiene che la mancata approvazione della Legge sulle Accise, ritenuta essenziale per il rinnovo dell´accordo col Fondo Monetario Internazionale, non ne sancirà tuttavia lo scioglimento, scrive Sarajevo Times.

La Camera dei Rappresentanti dell´Assemblea Parlamentare di Bosnia ed Erzegovina ha respinto per quatto volte il pacchetto di leggi che prevede un aumento delle accise sul petrolio, accogliento le conclusioni della Commissione Finanze e Bilancio relative alla proposta del Consiglio dei Ministri; il provvedimento è stato così definitivamente ritirato.

La legge in questione tuttavia rappresentava una delle condizioni per l´ottenimento della seconda tranche dei fondi previsti dall´accordo col Fondo Monetario Internazionale; ciò ha portato spesso a sostenere che la mancata approvazione potesse segnare la fine della cooperazione con lo stesso Fondo. Tuttavia gli analisti sono concordi nel ridurre la portata delle conseguenze, sottolineando i casi di altri Stati, come la Grecia, la collaborazione dei quali col Fondo è proseguita anche dopo il respingimento di provvedimenti ritenuti fondamentali: l´FMI offre raccomandazioni al Governo, questo da parte sua deve imparare a negoziare, cercando nel contempo fonti di finanziamento alternative sui mercati internazionali.

La reazione della cittadinanza prima e dei suoi rappresentanti parlamentari poi viene ritenuta completamente giustificate, viste le precedenti esperienze, in cui i fondi raccolti attraverso la tassazione del trasporto su strada o le accise non sono stati poi utilizzati nel modo giusto.



Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it