QUESTI SITO USA I COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI (vedi dettagli)

Se non cambi la configurazione del browser, sei d'accordo. 

In occasione della Conferenza sui Fondi Europei e di Investimento, organizzata a Bucarest il 31 ottobre u.s. dall’Agenzia di Sviluppo Regionale Bucarest – Ilfov, Gabriel Friptu, Direttore Generale del Ministero dello Sviluppo Regionale, della Pubblica Amministrazione e dei Fondi Europei, ha presentato un quadro generale delle attività, informa l'ICE.

La Commissione Europea ha diramato un atteso aggiornamento sulle stime di crescita economica della Croazia, affermando che il PIL della nazione crescerà al 3,2 per cento nel 2017, contro il precedente 2,9 per cento.

Il governo ha approvato una revisione della Legge sul Riciclaggio del Denaro che presenta alle banche nuovi obblighi.

Nei primi nove mesi del 2017 le esportazioni dalla Macedonia sono cresciute più delle importazioni.

La Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) ha rivisto in rialzo le sue previsioni per la crescita del PIL bulgaro.

La Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS) prevede che quest’anno la crescita economica del Paese sarà del 4%, +1,5% rispetto all’outlook di sei mesi fa, informa l'ICE.

Secondo i dati dell’Ufficio nazionale di statistica, gli sloveni rimangono un popolo parsimonioso.

In base ai dati della Banca nazionale croata (HNB), secondo cui alla fine di luglio il debito pubblico era di 288,6 miliardi di kune (38,48 miliardi di euro), ovvero inferiore di circa 400 milioni di kune (ca. 53,33 milioni di euro), rispetto al luglio del 2016, la Camera dell'Economia (HGK) ha valutato che entro la fine dell'anno il debito dovrebbe scendere all'80% del PIL.

Si è svolta a Belgrado in questi giorni la visita dei rappresentanti della missione del Fondo Monetario Internazionale (FMI) per l’ottavo riesame finale dell’attuale accordo triennale (l’attuale accordo di precauzione tra l’FMI e la Serbia, per 1,2 miliardi di euro, scade nel febbraio 2018).

Il Ministero delle finanze ha presentato la proposta di legge finanziaria per il 2018, che ha sottoposto ad un dibattito pubblico che coinvolge la società civile, i sindacati e gli imprenditori, oltre agli esperti del settore, informa l'ICE.

Secondo i dati pubblicati dall'Ente statistico della Croazia (DZS-Drzavni Zavod za statistiku), lo stipendio medio netto registrato lo scorso agosto e' stato di ca. 802 euro (6.018 kune), che rappresenta un aumento reale del 5% su base annua.




Partita Iva: IT01123460329 // mail legalizzata: mmasistemisrl@pec.it